Certificati britannici di nuovo in campo

Il Consiglio di Stato torna sulla questione della spendibilità dei certificati emessi da enti accreditati da UKAS ( l’unico organismo nazionale riconosciuto dal governo britannico) negli appalti pubblici dopo la Brexit. Con una decisione dell’aprile scorso (la n. 4089/2023, che aveva suscitato particolare clamore), la V Sezione aveva chiuso a tali certificati affermando che non avevano più valore nelle procedure di gara degli Stati membri.